lunedì 8 febbraio 2016

Riflessioni -F

E ancora una volta, eccomi qua a scrivere su questo blog. So che non mi faccio sentire da veramente tanto tempo, però questo periodo relativamente tranquillo a scuola mi dà la giusta occasione per scrivere un post che avrei dovuto fare da tanto tempo.
Oramai sono già passati quattro mesi dall'inizio della scuola, e devo dire che è veramente dura quanto me la ricordavo, anche se ricominciare è stato meno traumatizzante di quanto mi aspettassi a livello di recuperi. Da quel punto di vista sono stata veramente fortunata, dato che nessun prof mi ha fatto fare delle verifiche di recupero vere e proprie ma solamente mi hanno detto di recuperare per conto mio se per esempio si facevano riferimenti al programma di quarta. Poi c'è stata la pagella dopo le vacanze di Natale, e anche in base a quella, tenendo conto in parte dei voti ricevuti in America, mi hanno assegnato i crediti dell'anno scorso, e anche riguardo a questo non potevo chiedere di meglio. 

A proposito di vacanze di Natale, è stato bello passare le feste insieme alla mia famiglia, l'anno scorso mi era proprio mancato e ho capito come le piccole cose a cui spesso non diamo alcuna rilevanza sono proprio le più importanti. 
Sempre durante il periodo natalizio ho avuto la fortuna di andare a New York con i miei zii come regalo per i 18, e ci hanno raggiunti lì pure mia mamma ospitante e le tre figlie femmine, e giuro non potevo chiedere di più. Vederle lì, dal vivo, e non attraverso uno schermo, è stato veramente fantastico. Per quei 5 giorni è stato come se parte della mia vita americana fosse di nuovo con me, anche se poi a pensarci bene lo so che quella, purtroppo, è una parentesi che si è chiusa, e per quanto io lo voglia le cose non saranno più le stesse, non importa quante volte potrò andarli a trovare.

Altra novità è il fatto che ho finalmente preso la patente! Non vedevo l'ora che questo momento arrivasse, la sensazione di indipendenza che ha portato è troppo bella. Anche se ora mi trovo a fare da taxista a chiunque ahahah no però onestamente è proprio bello sapere di potersi muovere senza disturbi e senza dipendere dagli altri.

Adesso il prossimo grande passo sarà la maturità, cosa che mi spaventa non poco ma che allo stesso tempo mi renderà finalmente libera da una scuola che mi sta ormai troppo stretta. Il mio obiettivo personale è di riuscire ad arrivare agli esami senza impanicarmi troppo, perchè so che quando mi faccio prendere dall'ansia rendo molto peggio. Sarà dura, ma non vedo l'ora di finire il liceo per iniziare un nuovo capitolo della mia vita. 
Il problema però è che ancora non so quale questo nuovo capitolo possa essere, ci sono troppe possibilità e opzioni e ho paura di intraprendere una strada non adatta a me, ho paura di sbagliare. Il futuro è ancora una grande incognita per me, e mi rendo conto di essere invidiosa di tutte quelle persone che sanno esattamente che cosa fare, senza alcuna insicurezza, mentre io, indecisa come sono, ho le idee ancora molto confuse.

Parlare di cose non prettamente collegate all'anno all'estero su questo blog mi fa un po' impressione, però spero che possa comunque interessare qualche lettore, e comunque mi aiuta (e mi ha sempre aiutato) a mettere un po' le idee in chiaro.
Vi terrò aggiornati su come procede la famosa quinta e sulle scelte future!

Hasta la vista
Fra



giovedì 3 settembre 2015

Coming back -F

No, non è un miraggio, questo è davvero un nuovo post :)
Ci sono così tante cose che vorrei dire, e allo stesso tempo non ci sono parole per descrivere come è stato il rientro. 
Mi manca l'America, soprattutto nelle piccole cose, ma allo stesso tempo sono felice di essere in Italia. Dopotutto casa è sempre casa, nonostante in realtà sempre più spesso sento che non è più il mio posto, anche se ormai non ho idea di quale sia il mio posto, perchè se c'è una cosa che questa esperienza mi ha insegnato è che il mondo offre troppe opportunità, e non voglio sprecarle vivendo la mia vita nello stesso luogo, ci sono un numero incredibile di posti meravigliosi di cui non conosco neanche l'esistenza, e non vedo l'ora di scoprirli. 
La cosa più strana del tornare a casa è vedere che tutto è uguale a prima della partenza, ogni singola cosa, mentre io ho visto talmente tante cose, sono cambiata e ho imparato così tanto in un anno, e non riesco a capacitarmi di come niente qui sia cambiato. Sì, di sicuro c'è qualche piccola differenza, ma in cose così insignificanti che è come se non contassero. 
Sto ancora cercando un modo di adattare la nuova me alla mia vecchia vita, e un passo alla volta ci sto arrivando, anche se non è facile. Riprendere i contatti in un primo momento non è semplice; gli amici, quelli importanti, ci sono sempre, come del resto ci sono stati durante tutto l'anno, e onestamente con tutti gli altri, tutte quelle altre persone che non si sono neanche sprecate a mandare un messaggio in dieci mesi, non ci tengo neanche a tornare in contatto.
Altra cosa a cui è difficile riabituarsi è l'italiano, ammetto che anche ora, dopo più di due mesi dal ritorno in patria, mi ritrovo a chiedere "come si dice --- in italiano", o ancor peggio è una sensazione bruttissima quando non ti viene una parola nè in italiano nè in inglese.
Poi c'è la scuola. Ahhh la scuola italiana. Ancora non è iniziata e già mi viene l'ansia ahahah in realtà, per fortuna, mi è andata molto meglio che ad altri exchange students, dato che prima dell'inizio avrò solo un colloquio informale in cui parleremo dell'esperienza in generale, delle materie che ho preso lì così e cose del genere, mentre mi daranno tempo tutto il trimestre, ovvero fino a dicembre, per recuperare solo determinati argomenti assolutamente necessari alla quinta.

Sono rimasta in contatto con un po' di gente dall'America, ovviamente non è più la stessa cosa però. D'altronde come si può mantenere lo stesso rapporto a 7000 kilometri di distanza? Di questo mi dispiace un sacco, perchè ho conosciuto delle persone davvero speciali, ma spesso penso che anche se con qualcuno parlo quasi tutti i giorni non ha comunque senso dato che non so neanche se li rivedrò mai più.
Un po' diverso è invece per le mie amiche tedesche, dato che abitiamo a solo 4 ore di distanza; ho già visto entrambe da quando sono tornata, e a ottobre andrò a stare per un weekend a Monaco a casa di Vanessa. Ad Agosto invece è venuta a stare da noi Stacy per tre settimane e ci siamo divertiti un sacco a portarla un po' in giro per l'Italia, poi ci hanno raggiunte Megan e Vanessa, in quento M era andata a stare in Germania per un paio di settimane, e sono rimaste qui qualche giorno per poi tornare tutte insieme a casa.

In generale tutta l'esperienza sembra ormai lontanissima, spesso mi sembra quasi sia stato tutto un sogno e che non sono stata per davvero dall'altra parte del mondo per un anno. A volte mi chiedo quale sia stato il senso di lasciare casa, con tutte le complicazioni a questo legate, affezionarmi a persone fantastiche e abitudini differenti per poi dover dire addio a tutto ciò, ma poi penso a tutto quello che ho imparato e alla persona che sono diventata, e non sarei così oggi se non avessi vissuto tutte quelle esperienze e incontrato quelle persone. Perciò a tutti quelli che me lo chiedono rispondo che sì, ne è valsa assolutamente la pena. Da poco è passata la data che segnava un anno dalla mia partenza, e se tornassi indietro risalirei su quell'aereo mille volte, rifarei quella scelta senza neanche pensarci.
Se c'è anche solo una persona che sta leggendo questo post che sta pensando di fare un anno all'estero io dico: vai, parti, alla fine it will all be worth it.

Come ho già detto non ho intenzione di chiudere questo blog, anche se probabilmente non scriverò tanti post, però è stato un fedele compagno di viaggio, e non me la sento di lasciarlo andare.

Alla prossima
Fran
perchè in fondo in fondo resterà sempre Fran :)

martedì 21 luglio 2015

Goodbyes are not forever. Goodbyes are not the end. They simply mean I'll miss you until we meet again. -F

---AVVISO AI LETTORI - non avete idea di quanto ci stia impiegando a scrivere questo post, perdonate l'attesa stra lunga please ---

Ebbene si, sono ancora viva! Ci sono così tante cose che vorrei raccontare, e non so proprio da dove iniziare. Per prima cosa vi dico che sto scrivendo dall'Italia, dove sono tornata più o meno da due settimane. Oramai sono rientrata nella routine della mia vita italiana, ed è proprio vero che ogni cosa è assolutamente uguale a prima della partenza, il che spesso mi lascia stupita dato che ho imparato a vedere le cose in maniera diversa, mentre mi sembra che tutti gli altri qua così continuino a vivere la loro vita allo stesso modo. 
Ma partiamo (più o meno) da dove ero rimasta, ovvero la graduation. Come avevo accennato nel post precedente, dopo la graduation c'è stata una festa organizzata dalla scuola, grad bash. Era assolutamente facoltativa, perciò solo chi voleva ci andava, ma in generale la maggior parte della gente ha deciso di andare. La parte più exciting è che nessuno sapeva nè la location nè le attività che ci sarebbero state! Perciò una volta arrivati a scuola ci hanno divisi su un po' di bus diversi e siamo partiti in direzione a noi ignota, per arrivare dopo un'oretta a Davenport University, college abbastanza piccolo e, diciamocelo, squallido nei pressi di Grand Rapids. Lì avevamo la palestra a nostra completa disposizione, e c'erano un sacco di attività diverse che andavano dagli sport come calcio, basketball o pallavolo, a giochi d'azzardo come blackjack o la roulette; c'era anche un sacco di cibo e giochi vari, perciò è stato davvero divertente. Quella è stata, in effetti, l'ultima serata che tutta la classe del 2015 ha passato insieme, è stata l'ultima serata in cui io ho visto la maggior parte della gente con cui ho condiviso i corridoi, e con parecchie persone molto più di quello, per un anno intero della mia vita, probabilmente quello che, fino ad ora, mi ha condizionata di più.
La festa è durata tutta la notte, e verso le 5 i bus ci hanno riportati a scuola, dove c'è stato lo spettacolo di un ipnotista che ha ipnotizzato 10 persone sul palco e, senza stare ad entrare nei dettagli, dico solo che è stato esilarante ahahahah 
Siamo arrivate a casa stanchissime alle 7 passate e ci siamo messe subito a dormire, anche se non per molto dato che alle 12 ci saremmo dovute trovare con Megan Vanessa e Lin per andare al cottage sul lago di Megan dove abbiamo passato un weekend veramente fantastico, nonchè una delle ultime occasioni di fare un qualcosa di nuovo e diverso tutte insieme.

Saltando un po' si arriva direttamente al 9 di giugno, giorno in cui la mia famiglia italiana è arrivata a Chicago! Io, Mary e Stacy siamo andati a prenderli all'aeroporto, facendogli una sorpresa (anche se un po' se lo aspettavano già), e vederli uscire dalle porte degli arrivi è stata un'emozione unica, anche se dopo soli 5 minuti sembrava come se non ci fossimo mai separati in un certo senso. Sono rimasti per tre giorni con la mia famiglia (lo so, è stranissimo dire che la mia famiglia è stata tre giorni con la mia famiglia ahahahah) ed è stato bello perchè gli ho potuto mostrare una parte della mia vita americana e della mia città e scuola, poi il 12 sono partita con loro per un viaggio nel west degli USA, per poi tornare a casa tutti insieme il 29.
Il primo giorno che c'erano i miei ho avuto una festa di addio con un po' dei miei amici e dei familiari americani. Dover salutare alcune persone è stato più difficile di quanto mi aspettassi, ma tengo nel cuore la speranza (perchè dire certezza sarebbe solo un modo di illudere me stessa) che le persone importanti le rivedrò prima o poi. Personalmente credo che tutti i percorsi prima o poi si incrocino nuovamente, magari a distanza di anni, ma se è destino ci si ritrova.
Il giorno dopo era il compleanno di mia sorella, e per l'occasione abbiamo passato la giornata in South Haven. In generale ci siamo divertiti tutti, abbiamo giocato a pallavolo, camminato sul molo e fatto foto davanti al faro, per poi mangiare in questo ristorantino tipico caratterizzato dal fatto che si trovava su una barca. Quella sera poi ho dovuto salutare Andy e Emily :( mi mancano un sacco tutti e due.
Il giorno successivo è stato tempo di salutare la mia famiglia, e non so neanche come descrivere quanto difficile è stato uscire da quella casa per l'ultima volta, mi viene una tristezza allucinante solo a pensarci.

Questo è quanto per questo post, volevo dire che non ho intenzione di finire definitivamente questo blog, perchè è stato un posto dove ho potuto condividere le mie esperienze, e tutto sommato la mia avventura non è ancora finita! 
Scriverò presto (anche se oramai si sa che non mi bisogna credere quando dico queste cose ahahah) un post sul rientro vero e proprio e i primi impatti, e poi se vi interessa un post tappa per tappa sul viaggio che ho fatto con la mia famiglia fatemelo sapere nei commenti!

A presto
Fra


ps: eh già sono tornata a essere Fra e non più Fran/Frankie :)/:(

lunedì 22 giugno 2015

GRADUATION -F

Ebbene sì, anche il momento più atteso e sperato è arrivato e, come se niente fosse, è passato in un batter d'occhio. La graduation!
Oramai è passato un po' di tempo (e come al solito mi scuso per essere pessima ad aggiornare questo blog), però mi ricordo benissimo ogni singolo dettaglio di quella giornata.
La mattina a scuola c'è stata la senior breakfast, obbligatoria per poter poi partecipare alla graduation, in cui ci hanno preparato la colazione, che abbiamo poi avuto nella mensa della scuola tutti insieme. Dopodiché ci sono state le prove della cerimonia, più che altro per vedere che avessimo tutti un compagno con cui camminare (per me Stacy), e poi siamo potuti tornare a casa. Nel pomeriggio sono arrivati entrambi i nonni materni e paterni, con i quali abbiamo mangiato una torta e fatto le tradizionali foto da pre-cerimonia con cap and gown (il cappello e la toga). I nonni paterni però sono poi tornati a casa perchè il nonno aveva un problema al ginocchio che gli ha impedito di venire alla cerimonia vera e propria. Siamo poi andati at Bravo, lo stesso ristorante dove siamo andate per il prom, dove c’erano un po’ di senior che sarebbero stati alla graduation più tardi. Io e Stacy ce ne siamo andate un pelino prima perché saremmo dovute essere al palazzetto di hockey in Kalamazoo dove c’è stata la cerimonia per le 6, mentre il tutto cominciava alle 7. Lì ho incontrato tutti i miei amici e fatto millemila foto (ne lascerò un po’ alla fine), e in generale l’atmosfera era bellissima! Mi sono proprio sentita parte di qualcosa di grande, tutte le difficoltà e i momenti belli di un anno di ricordi avevano portato a quel momento; eravamo tutti uniti in un certo senso, perché condividevamo tutti quanti le stesse emozioni. L’adrenalina cresceva ad ogni minuto che passava, la stanza ne era assolutamente piena, di quello e dei mille colori delle decorazioni e disegni che ognuno aveva fatto sul proprio cappello.
Quando finalmente ci hanno fatto mettere in fila si sentiva proprio la felicità del momento aleggiare nell’aria. Io, ovviamente, camminavo con Stacy, ed è stata una compagna fantastica :) Quando siamo entrati nello stadio vedere tutte le centinaia di persone venute ad assistere la cerimonia l’atmosfera era fantastica, sapere che così tante persone erano interessate a noi era bellissimo. Abbiamo fatto il giro del palazzetto e siamo poi andati a sederci nelle varie file.
Ci sono poi stati mille vari discorsi, due fatti da due studenti, uno fatto dal presidente degli studenti, uno dal preside e un altro dal sovraintendente. Il migliore è stato definitivamente quello del ragazzo tra i due studenti, the feels proprioooo.
Le prime file che hanno camminato erano quelle di sinistra partendo dal davanti, mentre io ero verso la metà nella parte destra, perciò ho dovuto aspettare un po’ prima che arrivasse il mio turno. Però quando è finalmente arrivato è stato favoloso, mi sembrava proprio di essere in un film, dal salire sul palco, stringere la mano al preside (che carinissimo mi ha detto “grazie mille per essere venuta qui quest’anno, spero che tu abbia avuto una fantastica esperienza”), ricevere il tanto aspettato diploma -anche se per me era un “diploma onorario”-, al scendere dal palco per abbracciare tutti i miei amici che facevano parte del student council, era tutto surreale. Dopodiché c’è stato il tradizionale lancio del cappello, assolutamente fantastico!

Il preside poi ha fatto un ultimo discorsetto e ci ha lasciati andare verso l’uscita, dove ho fatto un sacco di foto con la mia famiglia e con gli amici che riuscivo a beccare vicino a me. Dopo le foto la maggior parte dei ragazzi, me compresa, si sono diretti a scuola, punto di ritrovo per la partenza di grad bash, di cui parlerò nel prossimo post stra prestissimo, dato che sono in un road trip e ho un sacco di tempo da riempire, perciò aspettatevi post a raffica ahahaha
Ecco un po' di foto :)

Nonni paterni


Hannah, me and Alex
Delaney, Hannah and me
Kellie and me
Karl and me 
Vanessa <3
My girls
Me and Ella
Natalie, me and Danny

Byeee
Fran

giovedì 28 maggio 2015

A BUNCH OF IMPORTANT STUFF -F

Ho troppissimissime cose da raccontare, perciò siate pronti a un post super mega extra lungo. Andrò per punti perchè mi sembra molto più facile seguire un filo pseudo-logico in questo modo.
    
    - PROM

Avete presente il ballo di fine anno che si vede in ogni film americano? Quello con vestiti allucinanti, in una location da paura e organizzazione favolosa? Ecco, il prom è stato proprio così! Purtroppo (o per fortuna?) non avevo un date per il ballo, però mi sono divertita un sacco, è stata una delle serate più divertenti in assoluto. Nelle settimane precedenti non potevo aprire nessun social network senza essere soffocata dalla quantità di foto delle cosiddette promposals, letteralmente richieste per il ballo, o semplicemente inviti, che consistevano in cose allucinanti, da cartelloni a travestimenti vari. Come ho già detto io non sono stata invitata, però sono andata con un gruppo di amiche e mi sono divertita probabilmente di più di un sacco di gente in coppia. 
Verso le 2 io e Stacy siamo andate in questo salon dove la mamma ci aveva preso appuntamento per farci fare capelli e makeup. Una volta tornate a casa abbiamo avuto giusto il tempo di indossare i nostri vestiti che sono iniziate ad arrivare persone per le foto. Eccone alcune:








Dopo le foto siamo andati in un ristorante pseudo italiano, che devo dire non era neanche tanto male! Poi ci siamo finalmente dirette al ballo vero e proprio, che si è svolto al Kalamazoo Art Center, un museo veramente moderno. La serata è stata stra divertente (lasciando perdere la musica, orribile come ad ogni altro ballo ahahah), at the dance ho incontrato un sacco di persone che conosco ed è stato proprio bello. Il tema del ballo era "Hollywood Nights", perciò all'ingresso c'erano un sacco di stelle con i nomi di tutti i seniors, e poi all'interno c'erano cose come piccole statuette degli Oscar di cioccolato e cose del genere. E come in ogni film che si rispetti, verso la fine della serata c'è stata l'incoronazione di re e reginetta del ballo!
Ecco alcune foto dal ballo:

Me and Delaney

Natalie, me, and Vanessa

Me and Kellie, my tennis partner

Me and Kelsey

Il ballo è finito verso le 11, e Lin, Vanessa e Megan hanno poi passato la notte a casa nostra.
Ok il prossimo punto è... rullo di tamburi...

    -TALENT SHOW

Io e Vanessa abbiamo deciso di partecipare al talent show della scuola! Ci siamo esibite in un numero di ballo, ed è stata veramente una bella esperienza, sono proprio felice di aver accettato di partecipare. Le prove ufficiali sono durante una settimana, ma noi ci siamo allenate almeno un mesetto prima dello spettacolo.
La sera della performance dire che eravamo agitate sarebbe un eufemismo, però tutti gli altri partecipanti e organizzatori vari sono stati veramente di grande supporto, tutti veramente carinissimi! Annie (sorella di Vanessa, nonchè mia amica) ha partecipato anche lei allo show, infatti ha cantato una canzone, è stata davvero davvero brava!
Questa è stata la nostra performance, so che non si vede molto, ma meglio di niente ahahah

video




    -TIGERS GAME

Questa è stata la mia prima partita di baseball in assoluto, e devo dire che è stata proprio stra divertente! Era in Detroit, e io non ero mai stata a Detroit, senza contare l'aeroporto, quindi ero proprio felice che la famiglia avesse deciso di portarmi. Siamo arrivati abbastanza in anticipo, perciò abbiamo avuto tempo di comprare tutti quanti le magliette della squadra, e, fun fact, il tipo all'ingresso dello store era di origini italiane quindi si è messo a parlare con me. Successivamente ci siamo diretti verso i nostri posti, non prima però di fermarci all' info office, dove, quando gli ho detto che era la mia prima partita e che ero italiana, mi hanno dato una borsa piena di roba a gratis.
La partita è stata divertente, anche se abbiamo perso miseramente e si moriva di caldo ahahaha altro fun fact, alla partita era presente un certo cantante country di cui non ricordo il nome che però a quanto pare è piuttosto famoso.

    -MUSTANG RIDE OUT & LAST DAYS OF SCHOOL

Il mustang ride out consiste nella cerimonia di premiazione per tutte quelle persone che hanno buoni voti a scuola e cose del genere. Tutti i seniors erano nel campo di football della scuola, nella stessa fila e ordine che avremmo poi usato alla graduation. Quel giorno faceva veramente veramente freddo, però è stata una cerimonia emozionante, dato che ci sono stati un sacco di discorsi da parte di studenti e prof che sono stati proprio toccanti.
A mia grande sorpresa io ho ricevuto il platinum award, ovvero quello dato aòle persone con la media più alta nella scuola. Non me lo aspettavo proprio, anche se in realtà è basato su un criterio fisso quindi mi sarei potuta informare ahahah
Quel giorno abbiamo ricevuto l'annuario! The yearbook è veramente una cosa fantastica, vorrei che lo avessimo anche in Italia, perchè riassume benissimo tutto l'anno scolastico. Vedere tutte le foto delle varie attività mi ricorderà per sempre di questo fantastico anno.
Il giorno dopo sono iniziati gli esami per i seniors, che in generale sono stati tutti abbastanza facili. Non potevo, e non posso ancora, credere al fatto che i miei giorni at Portage Central High School sono finiti, che non camminerò più da classe a classe ogni ora, che non vedrò più le solite facce che mi hanno accompagnato durante questo anno scolastico, che anche se andrò a visitare non sarà più la stessa cosa. No matter what, tutto sarà diverso da questo punto in poi. La mia vita americana è almost over, quella italiana è ancora da ricominciare, e in questo momento sono tra due mondi, il mio corpo è ancora qui, ma sento che la mia mente è già in viaggio verso l'Italia.

E con questo vi saluto, oggi ho la graduation e sono super excited!

Byeee
Fran

mercoledì 29 aprile 2015

SPRING BREAK - MEXICO -F

Rieccomiii! Scusatemi per la lunga assenza, ma non ho avuto molto tempo a disposizione per aggiornare questo blog :(
Giovedì a scuola abbiamo avuto un half day, e una volta tornate a casa abbiamo fatto le valigie e nel pomeriggio siamo partiti per Chicago, dove abbiamo passato la notte dato che l'aereo partiva presto la mattina successiva. Altre due famiglie del nostro gruppo passavano la notte nel nostro stesso albergo, una non la conoscevamo, l'altra era la famiglia di Kelsey e Mackenzie. Per cena siamo andati in questo ristorante pseudo italiano, e una volta tornati in hotel ognuno è andato nelle proprie camere dato che eravamo tutti stanchi morti. 
La mattina successiva ci siamo dovuti svegliare alle 5, e una volta pronti siamo partiti con destinazione aeroporto! Abbiamo fatto tutti i controlli e poi ci siamo diretti nell'area con tutti i ristoranti e robe del genere per fare colazione. Poi, una volta imbarcati, non avevamo molto da fare, fortunatamente ero seduta vicino ad Anna e non da sola; il volo è durato quasi 4 ore, che pero sono passate abbastanza velocemente. Una volta arrivati a Cancun c'era un bus che ci aspettava per portarci al nostro resort. Il clima era fantastico, passare dal freddo e gelo del Michigan ai 30 gradi del Messico è stato un sogno! Una volta arrivati al nostro resort non potevo credere ai miei occhi; il posto era veramente fantastico, le strutture molto caratteristiche, in generale era veramente grandissimo e con mille diverse attività! Un paio di famiglie (in totale ci sarebbero state 6 famiglie) erano già lì, però le stanze sarebbero state pronte per le 3, perciò abbiamo girovagato un po' e abbiamo trovato questo taco place veramente fantastico!
Ci siamo poi sistemati nelle nostre camere, io la dividevo, ovviamente, con Anna e Stacy. Siamo poi andate subito in piscina, dove ci siamo incontrati con tutte le altre famiglie. In seguito siamo andate in spiaggia, dove per la prima volta ho fatto il bagno nell'oceano! Era una sensazione bellissima, amo nuotare e il mare, e il primo bagno della stagione è sempre bellissimo.
La sera abbiamo mangiato al buffet, dove il tema era cucina italiana; non male! Poi abbiamo girovagato un po', ma eravamo tutti stanchi quindi siamo andati a dormire relativamente presto.
La domenica  siamo stati sempre nel resort, e tra spiaggia, piscina, e attività varie il tempo è volato.
Il lunedì è stato un giorno fantastico, siamo andati a fare un'escursione e ci siamo divertiti tantissimo! La mattina siamo usciti in catamarano (riservato solo per noi, dato che con 6 famiglie avevamo un totale di 25 persone), e abbiamo avuto la possibilità di fare snorkeling nella seconda barriera corallina più grande del mondo. È stato uno spettacolo strabiliante, c'erano tantissimi pesci multicolori e coralli vari, e in più non avevo mai visto nulla del genere! Per pranzo avevamo, incluso nel nostro pacchetto, pranzo sulla spiaggia con cibo messicano tradizionale, veramente stra buono. Il pomeriggio poi abbiamo nuotato con i delfini!! È stata un'esperienza unica, non lo avevo mai fatto  prima e devo ammettere che all'inizio, prima di entrare nella vasca, ero un po' preoccupata, però non appena abbiamo accarezzato i due delfini affidati al nostro gruppo ho capito che sarebbe stato divertentissimo! La cosa più bella è stata la "feet push"; in pratica uno alla volta si andava nel messo della vasca, e due delfini ti nuotavano sotto i piedi in modo da sollevarti completamente dall'acqua. 
Il martedì è stata una giornata piuttosto tranquilla, anche se come sempre divertente, più che altro eravamo tutti abbastanza scottati ahahah Unica cosa un po' diversa è che sono arrivati due amici di Kelsey, niente di troppo esaltante.  Io ho passato parecchio tempo con Aliya, sophomore nella mia scuola che era nel nostro gruppo,e stacy, dato che le ragazze più piccole facevano gruppo a parte e Kelsey ha passato la maggior parte del tempo al bar ahahaha
Il mercoledì è stata una giornata fantastica! Siamo andati a visitare le rovine Maya di tulun (non quelle super famose), e la nostra guida era metà Maya e metà indiano d'America, perciò ci ha dato un sacco di informazioni uniche che non avremmo ricevuto se non lo avessimo avuto. Faceva veramente caldissimo, però mi sono veramente goduta la gita, i posti erano unici e le viste allucinanti! Il sito era direttamente sul mare, perciò prima di continuare il giro che avevamo programmato siamo scesi alla spiaggia, e nonostante nessuno avesse un costume da bagno siamo finiti tutti piuttosto bagnati ahahaha in seguito siamo andati a playa del carmen, città di fianco al nostro resort, dove abbiamo pranzato in questo posticino tipico, poi io Stacy Aliya e Ashria ci siamo fatte fare le treccine. Dopodiché siamo andati di nuovo in spiaggia mentre aspettavamo il bus che ci avrebbe riportato in albergo. Lì tutti i papà del gruppo iniziano a prendere in giro tra di loro questo tipo con un costume super attillato, per poi scoprire che era italiano ahahaha
Il giorno dopo, giovedì, era il nostro ultimo giorno intero, però non avevamo nulla di speciale programmato, perciò abbiamo fatto "il solito": spiaggia, piscina, giochi vari e tanto tanto cibo ahahah
Il venerdì siamo partiti dal resort alle 9.30/10 di mattina. Io avevo il volo di ritorno da sola, un'ora e qualcosa prima di tutti gli altri, dato che loro avevano già prenotato prima che mi trasferissi e quindi non c'era più posto sul loro volo. Mi hanno fatto millemila controlli perché sono una cittadina italiana che entra negli Stati Uniti dal Messico, perciò non so cosa si aspettavano di trovare ahaha giuro, mi avranno controllato la borsa almeno tra diverse volte, l'ultima all'imbarco! Poi, una volta arrivata a Chicago, ho dovuto aspettare per quasi tre ore che tutti gli altri arrivassero, per poi partire con destinazione Portage, casa.

Vi lascio con un po' di foto!









A presto!
Fran 





martedì 31 marzo 2015

Random stuff -F

Okay, mi scuso in anticipo perchè ho saltato una settimana e ora non mi ricordo più cosa è successo, perciò racconterò un po' di eventi random :)
Un venerdì sono andata a vedere una partita di hockey at MSU, è stato stra divertente, questo sport mi piace un sacco da vedere, anche se ho visto solo un paio di games.

Riprendo questo post altri due giorni dopo, e mi scuso di nuovo perchè proprio non mi ricordo cosa è successo due settimane fa.
Settimana scorsa però ho iniziato tennis, e sono rimasta stupita da come, anche se non giocavo da tipo quattro anni, me la sono cavata piuttosto bene! Avevo iniziato questa nuova "avventura" con Lin e Vanessa, e poi ho scoperto che c'era anche Savannah, mia amica dallo spettacolo che è in un po' di mie classi; eravamo tutte nella squadra JV, ovvero quella a un livello intermedio, e purtroppo tutte e tre le mie amiche sono state escluse dalla squadra perchè non avevano mai giocato prima e c'erano troppe troppe persone. Mi è dispiaciuto un sacco, però allo stesso tempo quel giorno ero felice perchè la coach mi aveva detto che il giorno successivo le sarebbe piaciuto se potessi andare ad allenarmi con la squadra varsity (ovvero quella avanzata!) perchè voleva che anche quel coach mi vedesse perchè secondo lei c'era una possibilità che ce l'avrei potuta fare in quella squadra.
Il giorno dopo (ovvero venerdì 13) era il compleanno di Stacy;

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Okay, mi scuso infinitamente ma ho avuto una specie di blocco dello scrittore ahahah giuro che ho provato a riprendere in mano questo post lasciato a metà almeno un paio di volte, ma a quanto pare sembra non essere andata particolarmente bene.
Riparto perciò dallo scorso weekend :) venerdì sera sono andata con Stacy e Vanessa at Sadie's, questo ballo a scuola in cui teoricamente le ragazze invitano i ragazzi, ma io mi sono rifiutata ahahaha è stato stra divertente perchè una volta lì abbiamo trovato un sacco di gente che conoscevamo, quindi we had a great time :) Pardon, non ricordo cos'altro è successo quel weekend.
Ah, nel frattempo ho iniziato i veri allenamenti di tennis, e devo dire che sta andando davvero bene! Le ragazze nella squadra sono tutte davvero simpatiche e carinissime, sarà veramente una bella stagione (nonostante dobbiamo giocare all'aperto anche se si muore di freddooo). Purtroppo il polso destro ha iniziato a farmi parecchio male, perciò sono dovuta andare dal trainer della scuola (una specie di fisioterapista), cose che veramente in Italia ce le immaginiamo ahahah il tipo mi ha fatto una specie di bendatura che mi avrebbe dovuto aiutare a giocare, il tutto ovviamente a gratis!
Giovedì ho avuto la prima partita di tennis della stagione, le condizioni erano abbastanza pessime (a un certo punto ha addirittura cominciato a nevicare...), però è stato divertente! Tutta la famiglia è venuta a vedermi, sono stati davvero carinissimi. Purtroppo io e la mia partner di doppio (Kelly) abbiamo perso, ma overall la squadra ha vinto! Go mustangs!
Venerdì io e Vanessa abbiamo partecipato alle audizioni per il talent show della scuola, che sarà a maggio. Avevamo lavorato a una coreografia, dato che Vanessa è stra brava a hiphop, io diciamo che faccio abbastanza pena me la cavo, dato che ho fatto danza classica per più o meno 10 anni, e alla fine il (all'incirca) duro lavoro ha dato i risultati! Siamo parte dello show!
Venerdì sera siamo andati a cena in downtown Kalamazoo, c'era la famiglia al completo, dato che Emily ha portato a casa per la prima volt il suo fidanzato, che io Stacy e Anna avevamo però già incontrato. La serata in generale è stata piacevole, anche se abbiamo dovuto aspettare almeno un'ora prima di avere un tavolo, però c'erano dei tavoli da biliardo quindi abbiamo avuto qualcosa da fare. Lee ha poi passato la notte a casa nostra, e il giorno seguente, dopo colazione sono tornati a Grand Rapids. Nel pomeriggio, sempre con la famiglia, siamo andati a una festa di compleanno dei bimbi di alcuni amici di famiglia, in generale abbastanza noioso.
La domenica io, Anna e la mamma siamo andate a fare shopping. Premetto che pensavo dovesse essere una cosa veloce, un paio di negozi e via. Invece mi sbagliavo. Mi sbagliavo di grosso.
SIAMO USCITE DI CASA ALLA 1 E SIAMO TORNATE A CASA ALLE 6.30!
5 freacking hours of shopping... Troppo anche per me che adoro fare shopping ahahaha
Nel pomeriggio/sera sarei dovuta uscire con un mio amico (Chase) e Stacy, dato che abbiamo precalc tutti insieme e avevano detto che mi volevano portare in non so quale posto, però lo shopping è durato più del previsto, Stacy era stanca e Chase aveva compiti da fare, perciò abbiamo rimandato a data da definirsi (tipico degli americani).
Durante tutta settimana scorsa nella classe di cucina abbiamo lavorato a una specie di gara, in pratica ogni gruppo doveva preparare un piatto a scelta e fare un tot di altre cose inutili, e venerdì c'è stata la presentazione per i giudici. Oggi la prof ci ha dato i risultati e il mio gruppo ha vintoo! Non me l'aspettavo proprio, dato che il mio gruppo non è il migliore a prendere decisioni, nonostante mi trovi benissimo con tutte le persone che ne fanno parte. Non abbiamo vinto nulla di speciale, solo un paio di merendine e robe del genere, però è stata una bella soddisfazione!

Oggi a scuola tutto regolare, questa è l'ultima settimana prima dello spring break! Non vedo l'ora di venerdi, giorno in cui partiamo per il messicooo!

Spero di riuscire ad aggiornare prima della partenza, altrimenti farò un mega post dopo il ritorno!

Adios
Frankie B